20 dicembre 2005

Tu scendi dalle stelle

"Fatte u presébbje, accumenzame a ffrisce/i pèttele, i purcidde e i carteddate;/prevame la salzizze ‘ind'a cenisce,/jassime nusce a mmènele mburnate./Spenname la jaddine ch'è scuvate,/facime a ffurn'apirte nu cunìgghje,/tenime pronde na cavateddate/pè qquande sime tutte de famìgghje.//Mettime du taralle ‘ind'a nu uasce,/fav'arrestute, cìcere e llepine/da rusecua la sare nzanda pasce/azzicche a grotte de gesù Bbambine.//Mettime mire bbianghe e ccerasule/Pè cci mò cl'abbunnanze vòle vave/O bbeccherucce o dritte o rezzule./E ppò faciasse nu mètre de nave//Uagnune, preparamece o Natale,/penzame finalmende e cose bbèlle:/purtame o Bbammenille na cannàle,/candame già TU SCENDI DALLESTELLE!”

Fatto il presepe, incominciamo a friggere/le pettole, i porcedduzzi e le cartellate /assaggiamo la salsiccia cotta nella brace, disponiamo noci e mandorle abbrustolite./ spenniamo la gallina vecchia/ facciamo a forno aperto un coniglio/teniamo pronti i cavatelli/ per quando siamo tutti di famiglia./ Mettiamo due taralli in un cestino/ fave arrostite, ceci e lupini/ da rosicchiare la sera in santa pace/accanto alla grotta di Gesù bambino./Mettiamo a disposizione vino bianco e rosso/per chi ora vuole in abbondanza berne/nel bicchiere o direttamente dall'orciolo./e poi facesse pure un metro di neve/ Ragazzi, prepariamoci al Natale/ pensiamo finalmente acose belle./portiamo al Bambinello una candela/ cantiamo già TU SCENDI DALLE STELLE.

1 commento:

pp ha detto...

ma dove li trovi tutti questi raccontini...persino quel rosicchiare, sa di roditore...sembra di sentire l'odore delle stufe antiche