08 luglio 2005

Eccesso di comunicazione


Cerchiamo di tutelarci, fin che possiamo, da una nuova forma di inquinamento: l'eccesso di informazioni. Quando siamo troppo informati su una cosa, è come se non lo fossimo. Non abbiamo più gerarchie, sfuggono i punti di vista, ogni dato equivale a un altro. In linguistica si chiama "effetto rumore": succede quando il troppo stroppia, quando sei sommerso da una valanga di informazioni e il messaggio fatica a farsi strada, come fosse bloccato da un gigantesco ingorgo.
I massmediologi parlano di "data smog": l'eccesso di informazione diventa qualcosa di irrespirabile.

7 commenti:

pp ha detto...

Io non credo che abbiamo un eccesso di informazione, anzi. Semmai abbiamo troppa cattiva informazione. E discernere tra questa e quella buona richiede maturita' e capacita' critiche di ricerca. Ed anche una certa pressione popolare sui media. Il dramma e' che la differenza tra l'una e l'altra interessa a pochi.

"Mr. Tamburino,
Non ho voglia di scherzare
Rimettiamoci la maglia
I tempi stanno per cambiare..."
Franco Battiato- Bandiera bianca

nikla78 ha detto...

PP ma tu credi davvero che noi riceviamo informazione buona e cattia?
Sei ottimista in confronto a me che pensa di ricevere solo informazione cattiva.
Basta poco per dimostrarlo!

Non c'è bisogno di andare troppo lontano, quando accade qualcosa, sopprattutto se si tratta di cronaca, nella tua città magari al tuo vicino di casa..cosa dicono i giornali?????
..di solito tutt'altro di quello che è accaduto! e non sto facendo l'esempio delle tv locali ma di quelle nazionali...adesso pensate a come ci riportano le notizie internazionali!! Tutto questo accade senza malizia..FIGURIAMOCI POI QUANDO CI SONO DIETRO INTERESSI POLITICI INIMAGGINABILI PER NOI COMUNI MORTALI!!!

Amici del blog, siete ancora convinti di ricevere notizie vere!!??

Lo so magari ho esagerato con il pessimismo stavolta però....mmm

PERFORTUNA ADESSO CI SONO I BLOG -
LI CONSIDERO NOTIZIARI SENZA FILTRI.

W I BLOG :-)

pp ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
MB ha detto...

PP
chiarisco meglio il concetto di "eccesso di comunicazione".
La prima notte in casa mia nuova, non riuscivo a prendere sonno a causa di un forte rumore che proveniva da un grosso frigorifero all'americana appena acquistato. Credimi, nel silenzio notturno e in un ambiente nuovo, il motore di quel frigo produceva un rumore per me assordante.
Ormai sono più di 7 anni che vivo in quella casa e dormo tranquillamente. Il rumore probabilmente c'è ancora ed io mi sono abituato a sentirlo.
Forse è un esempio semplicistico ma ciò che voglio significare è che, nonostante l'importanza dell'evento di Londra, non condivido il fatto che tutti i canali televisivi e radiofonici (+ internet) per tutta la giornata non abbiano fatto altro che parlare di ciò. Ho addirittura sentito un programma radiofonico RAI in cui non sapendo + cosa trasmettere sull'argomento hanno intervistato una ascoltatrice solo perchè aveva sentito una sua amica a Londra per chiedergli impressioni.
Questa è pura caccia alla notizia. E' vero c'è troppa cattiva informazione, ma è anche vero che quando capitano queste "brutte cose" i mass media si scatenano cinicamente (alcuni) e a questo aggiungi il forte peso mediatico dato dai telefonini/videofonini di cui ormai tutti sono in possesso che ci consentono di immortalare l'attimo dell'incidente e di trasmetterlo a distanza.
"io c'ero" e te lo dimostro, senza pudori, senza veli.
Troppo rumore, che da principio non ci fa dormire, ma col tempo ci crea assuefazione.
Troppo rumore, e Torri che cadono, Stazioni che esplodono non ci appartengono più.
Troppo rumore, e Manhattan come Londra come Madrid come Baghdad, non sono altro che un brutto film.

pp ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
faulkner78 ha detto...

ci sono un po' di affermazioni banali ... come fa nikla 78 a dire che l'informazione è tutt'altro rispetto a quello che è successo
io direi che l'informazione è una parte di quello che è successo, magari riporta gli aspetti piu' comodi immediati e vicini al pensiero di chi scrive.

la fretta del risultato governa i meccanismi dell'informazione e ne abbassa la qualità

poi pp ci dice che non abbiamo un eccesso di informazione, ma solo troppa cattiva informazione ... scusa la differenza se è troppa eccede la necessità il fatto che sia cattiva non vuol certo dire che non sia informazione ...

pp ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.