28 settembre 2005

Se ci fosse ancora...


Se ci fosse ancora, come vivrebbe in questo mondo?
Se ci fosse ancora, cosa direbbe di questo mondo?
Se ci fosse ancora, cosa direbbe di me e della mia vita?
Se potessimo abbracciarci ancora
come in quei vecchi filmini Super 8
conservati nell'armadio della memoria.
Se potessimo ancora scalare montagne insieme, sulla roccia, sulla neve. O pescare ricci sul fondo del mare. Di un mare verde come i suoi occhi. Se potessi riaverlo per colmare i lunghi silenzi della nostra vita insieme. Se potessi riaverlo, gli direi un'immenso grazie. Per avermi insegnato la pazienza, la fierezza, l'umiltà, il silenzio. Se potessi...ora...avrei tanto bisogno di lui.
Se ci fosse ancora oggi avrebbe 76 anni. Buon compleanno papà.

10 commenti:

MB ha detto...

Stavolta mi commento da solo...
Scusate la tristezza di certi post. Forse a qualcuno non garberanno. Soprattutto a quei commentatori anonimi per i quali lacrime, sorrisi, emozioni, sentimenti sembrano valere meno di un nulla.
Che Dio benedica gli amici sinceri e quelli anonimi.

pp ha detto...

MB,

Ti ha insegnato tutto questo perche' era paziente, fiero, umile, silenzioso. Per questo il suo pensiero su questo mondo, ora, oggi, lo avresti letto direttamente nei suoi occhi, e nel suo sorriso a meta' tra un ghigno e una smorfia la sua idea, molto concreta (down to earth) del mondo. Hai un solo modo di ringraziarlo, ed e' di accettare la tua condizione di uomo, oggi, ora.
Nessuno potra' sostituire il tuo meraviglioso papa'. Ma ci siamo qui, da qualche parte, noi. Non e' molto, ma e' qualcosa.

MB ha detto...

Grazie PP

lavette ha detto...

ad oggi non è facile vedere in qualcuno l'Attenzione per gli altri, per i rapporti umani, intesi come scambio, libero e costruttivo. ti conosco poco MB, ma posso dire che in te l'ho vista. chi ha Attenzione (quella con la a maiuscola.. e io il maiuscolo non lo uso mai!), è come se avesse il cuore aperto a recepire tutto, per lasciarsi permeare dalle emozioni come carta assorbente.
così, si è tanto più ricchi, perchè si trova ricchezza in cose che alcuni neppure vedono.
l'inghippo però c'è: anche il male arriva tutto e diretto, sia che sia una parola cattiva, sia che sia l'ingiustizia del mondo.
ma se la sofferenza è il prezzo da pagare per la sensibilità e la profondità d'animo, ben venga.
buon compleanno al tuo papà, non ho alcuna difficoltà a credere che il merito è molto suo per quello che oggi sei!

MB ha detto...

Lavette, le tue parole mi lusingano. Anche io ti conosco poco, ma non ci vuole molto a comprendere che "bella" persona sei. Grazie di cuore. Per tutto.

pp ha detto...

hey, qui si flirta!

(comunque, mi piace leggere il vostro carteggio)

ganesha ha detto...

L'uomo che sei oggi è semplicemente il papa' che ti è stato accanto e che continua a vivere in te.
Quei valori a te trasmessi e tanto cari serbali, portali con te e non dimenticarli mai. Ti aiuteranno a scalare montagne, a risalire dal fondo, a colmare i lunghi silenzi e ti accompagneranno nel lungo percorso della vita, proprio come se tenessi, ancora una volta per mano, il tuo caro papà

Lisetta ha detto...

Lui c'é. E ci sarà sempre. Certo non puoi abbracciarlo, non puoi vederlo ma c'é. E' in te.

P.s. scusami MB, io non sono nessuno per parlare così di una persona a te così cara, ma sono sicura che le persone che amiamo rimangono con noi per sempre, anche quando non potremo rivederle mai più...

Lisetta ha detto...

Ah, volevo aggiungere "circa la tristezza di certi post" che anche questo é il bello dei blog, e in particolare del "nostro" blog...c'é spazio per tutto, siamo pronti a ridere insieme e, a volte, a condividere emozioni più "profonde". E pazienza per i commentatori anonimi. Magari un giorno decideranno di unirsi al nostro scambio digitale senza aver paura della propria identità, vera o virtuale che sia.

ganesha ha detto...

Lisetta hai proprio ragione, anche virtualmente NOI CI SIAMO E CI SAREMO!!!