30 dicembre 2005

l'anno nuovo


L'anno che verrà sarà migliore. Per tutti.
Buon 2006

29 dicembre 2005

Riflessioni sulla città


Riporto questa riflessione sulla "città",
resa ancora più interessante dal fatto che a farla è un politico. MB


"Per vedere una città non basta avere gli occhi aperti. Occorre per prima scartare tutto ciò che impedisce di vederla, tutte le idee ricevute, le immagini precostituite che continuano ad ingombrare il campo visivo e la capacità di comprendere" (Calvino)

La quotidianità e l'abitudine alla frequentazione di qualcuno o qualcosa ci impedisce molto spesso di riuscirne a definirne le sue peculiarità e le sue caratteristiche. Il processo é simile a quello di messa a fuoco: l'oggetto da fotografare deve trovarsi a quella certa distanza che ne consenta una nitida lettura. Tanto per rendere più chiaro il discorso, se dovete parlare ad un amico di Bari, a quale "immagine-cartolina" della città fareste riferimento? La chiesa di San Nicola, la Cattedrale, via Sparano, Corso Cavour, il Lungomare Nazario Sauro. In maniera molto banale, attraverso la solita molteplicità di risposta si verificherà una certa immagine collettiva in cui riconoscersi, strettamente legata all'esperienza del proprio vissuto. La città é certamente tutto questo. Ma non può essere solo questo perché, se così fosse sarebbe una "vetrina". E' una strategia di marketing in cui la città é impegnata nella "vendita promozionale" di parti di se stessa.
Comunque, nell'involucro di mura e di spazi vuoti, in quel libro di pietra che é la città, in cui ogni periodo storico lascia la sua frase, l'unico elemento costante é l'uomo: rispettiamolo!
Peppe de Natale - Sindaco di Capurso

23 dicembre 2005

Auguri




Auguri a tutti i bloggers, ovunque siate, Buon Natale!

la Vigilia di Natale

"E poi arrivava la vigilia di Natale, il 24 dicembre. Pranzo sontuoso: spaghetti con il gronco, una sottospecie del capitone, spinoso, oppure con lo stesso capitone o le anguille. E poi capitone allo spiedo con foglie d’alloro, frutta di mare cruda, comacchio ( il capitone marinato), e baccalà e pesciolini sotto aceto e verdura e vino, vino,vino. E dolci, dolci, dolci. La grande abbuffata. E dopo la grande abbuffata, si nasceva il Bambino. La piccola statua era posta nella mani del bambino più piccolo: e tutti i familiari dietro di lui, portando candele accese e facendo scintillare le stelle filanti e cantando " Tu scendi dalle stelle". Naturalmente non tutti conoscevano le parole di Sant’Alfonso e i più faceti , invece delle parole, accennavano alla nenia sussurrando:"Nanà...nanà"; e , poi da baresi lingua" lunga", come ben tutti sappiamo, aggiungevano qualche pesante parola completandola con il " Nanà...nanà", forse per fare dimenticare la cosa detta. E la cerimonia non era finita. Deposto il Bambinello nella culla della grotta, il bambino più grande doveva recitare la poesia, in lunghi giorni studiata con la " maestra", cioè una buona donna che intratteneva i piccoli nella sua casa trasformata in casereccio asilo. Apriti cielo! Il bambino si scherniva, aveva vergogna; poi diceva di aver dimenticato le parole. Poi le ricordava e finalmente incominciava: " Stanotte a mezzanotte / è nato un bel bambino..." A questo punto, pianto dirotto, non sapeva più andare avanti. E i genitori a far moine, a promettere caramelle e cioccolatini per fargli ricordare le parole dimenticate. E tante erano la stizza, la rabbia, l'ira del piccolo monello che aveva dimenticato la sua poesiola da lasciarsi sfuggire : " E che c...non me la ricordo più". Naturalmente il colpevole di quella parola detta del bambino che incominciava con la consonante c... era il nonno che, quella parolaccia, ripeteva spesso. E il bambino l'aveva appresa. E meno male che, ad acquietar la tempesta in famiglia, c'era la tombola. La tombola. Tutti attorno al tavolo, si gioca. La tombola era patrimonio esclusivo della nonna che, a fatica, dall'ultimo tiretto del vecchio armadio, tirava fuoir come una cara reliquia tutto l'armamentario usato solo in occasione del Santo Natale. Era una tombola vecchia, vecchissima, le cartelle avevano il colore della cenere spenta, usate com'erano state per anni. Sul tavolo venivano poste bucce di mandarini e arance; e fave e fagioli secchi, fatti a pezzettini, per segnare i numeri che uscivano. Le palline numerate erano raccolte in una vecchia calza nera; e, dopo lunghe discussioni su come dividere i pochi soldi su ambo, terno,quaterna e quintina e su chi doveva tenere il tombolone, il gioco aveva inizio. E così usciva il 22, e tutti in coro:" Il matto"; e usciva l'11, e il giovanotto che teneva d'occhio le belle della comitiva, subito esclamava: " Le gambe delle donne". E veniva fuori il 24, e tutti: " La vigilia", ma lo spiritoso di cui s'è detto: " Le gambe delle donne". Ed erano gambe delle donne anche il 90, la paura, il 17, la disgrazia. " Lasciatelo dire -diceva la nonna- tanto quello ci ha sempre quella fissazione". E la notte passava e gli spari nella città s'erano spenti, e i bambini e i vecchi s'addormentavano. Spuntava l'alba sulla tombola, sul mercante in fiera, sul sett'e mezzo. Si spegnevano, nell'incerta luce dell'alba, le candeline sul presepio e Gesù rimaneva fra la Madonna e San Giuseppe, i carabinieri con il pennacchio, il pescivendolo con i frutti di mare, lo specchio rotto che voleva essere lago con le paperelle di celluloide. E arance e mandarini e noci in stagnola argentata sul ramoscello regalato dal compare di campagna s'illividivano neall fioca luce del mattino di Natale."

(Vito Maurogiovanni)

22 dicembre 2005

il mercato dell'antivigilia

Erano profumati di arance, limoni e mandarini i giorni invernali che andavano dal 13 al 23 dicembre. Le bancarelle, e i negozi, di frutta e di verdura si riempivano di agrumi e di verdure, finocchi, cicorie, cavoli; e dominavano montagne di frutta secca, mandorle, castagne del prete, noci, datteri, nocelline americane, lupini, olive in calce e in acqua. E i pescivendoli, con i loro negozi senza porte nei quali si sentiva ancor di più il freddo dicembrino, si riempivano – fra fasci di luce e, prima ancora, di lampade ad acetilene- di anguille e capitoni e cascate di orate, seppie, cefali,cozze nere, cozze di san Giacomo, canestrelle, pelose, taratuffi, fra serti di alghe, verdi foglie e gialli limoni. E per magnificare tutta quella roba, e invitare la clientela all’acquisto, I venditori vantavano, con colorite espressioni, la merce esposta. Il capitone era annunciato con le insinuanti parole: Jè vive u nuste, jè muerte u vuste”, vale a dire che fresco, freschissimo era il capitone dell’offerente e morto, vecchio, certamente non fresco quello dei concorrenti. E c’erano anche altri significati nascosti, in quell’esaltazione del pesce fresco. In realtà era tutta roba buona, quella messa in vendita, l’autentico ben di Dio. E la fra se del dialettofono, per dare il senso di quella ricchezza, sussurrava che lì stesse Crist’a candà, Cristo che cantava. Per un credente il Cristo che all’improvviso canti sarà indubbiamente l’immensa meraviglia di questo e di quell’altro mondo. Per i nos tri antichi parenti, bersagliati da antica fame, l’opulenza s’incarnava in quella visione.

(Vito Maurogiovanni)

Parte dell'oceano

a Lisetta

E' la storia di una piccola onda, che danza sull'oceano - su e giù, su e giù - divertendosi un mondo. Si gode il vento e l'aria pura, fino a che non s'accorge che le altre onde davanti a lei s'infrangono sulla riva. "Oh, mio Dio, ma é terribile", esclama, "guarda cosa sta per capitarmi!"
In quel mentre sopraggiunge un'altra onda e notando quanto sia rabbuiata le chiede: "Come mai sei così triste?" E la prima risponde: "Ma non capisci? Stiamo per scomparire tutte! Tutte noi onde finiremo in nulla, non é tremendo?"
E la seconda onda spiega: " Sei tu che non capisci. Tu no sei un'onda, sei parte dell'oceano."

21 dicembre 2005

CUCU! Indovina, chi sono?




Marilyn Manson! O_o

Altri rockers famosi li trovate qui

Ciao Ciao

Andare via da CCBC non è facile
perchè CCBC è speciale
perchè chi ci lavora è speciale.

Oggi io sono andata via
ma con un sorriso nel cuore.

GRAZIE A TUTTI
Mi mancherete.

:-)

IMPRONTE DIGITALI

A Lisa..

pensavi davvero che mi fossi dimenticata che oggi è stato il tuo ultimo giorno a ccbc?
sei stata davvero un amica, mi dispiace essere stata poco presente in questi giorni per te così "ciccibiciosi".

Ti ringrazio per il conforto e l'appoggio che mi hai dato in questi ultimi tempi, spero ti potermi rendere utile anch'io.
Ti voglio tanto bene, ti auguro un forte in bocca al lupo per il tuo futuro.

ps un grande saluti a tutti gli abitanti del blog!

Il poeta

Il poeta é un fingitore.
Finge così completamente
che arriva a fingere che è dolore
il dolore che davvero sente.

(Fernando Pessoa)

Grazie Lisa, per tutto.

SocialdesignZine

Un articolo del Corriere di oggi indica un blog molto molto interessante SocialdesignZine dedicato alla "dimensione sociale del design nella comunicazione". Il sito offre notizie sempre aggiornate, tante immagini, uno spazio per i commenti e per le offerte di lavoro ed é "figlio" dell'Aiap. Molto carina la sezione "Segnalazioni" con alcune immagini già viste in giro per la rete e altre new. Non perdete il post "L'illecito programma di Berlusconi"....

Di fronte a queste cose rimango putrefatto

Prima di operarmi mi fanno un'autopsia generale.
Davanti alla sua prepotenza resto illibato.
Quando la volpe non arriva al formaggio dice che puzza.
E' un vulcano in erezione.


o_O


Il "ciaffo", o la "ciaffata", è l'errore involontario commesso da chi per esprimere un concetto infila nel suo postulato errori ed orrori grammaticali o di concetto, creando così parole o frasi prive di senso, spesso dal significato stravolto rispetto a quello che si sarebbe voluto dire.

Questa opera di straordinaria creatività involontaria va in qualche modo conservata, ed ecco quindi il "campiociaffo".

20 dicembre 2005

Tu scendi dalle stelle

"Fatte u presébbje, accumenzame a ffrisce/i pèttele, i purcidde e i carteddate;/prevame la salzizze ‘ind'a cenisce,/jassime nusce a mmènele mburnate./Spenname la jaddine ch'è scuvate,/facime a ffurn'apirte nu cunìgghje,/tenime pronde na cavateddate/pè qquande sime tutte de famìgghje.//Mettime du taralle ‘ind'a nu uasce,/fav'arrestute, cìcere e llepine/da rusecua la sare nzanda pasce/azzicche a grotte de gesù Bbambine.//Mettime mire bbianghe e ccerasule/Pè cci mò cl'abbunnanze vòle vave/O bbeccherucce o dritte o rezzule./E ppò faciasse nu mètre de nave//Uagnune, preparamece o Natale,/penzame finalmende e cose bbèlle:/purtame o Bbammenille na cannàle,/candame già TU SCENDI DALLESTELLE!”

Fatto il presepe, incominciamo a friggere/le pettole, i porcedduzzi e le cartellate /assaggiamo la salsiccia cotta nella brace, disponiamo noci e mandorle abbrustolite./ spenniamo la gallina vecchia/ facciamo a forno aperto un coniglio/teniamo pronti i cavatelli/ per quando siamo tutti di famiglia./ Mettiamo due taralli in un cestino/ fave arrostite, ceci e lupini/ da rosicchiare la sera in santa pace/accanto alla grotta di Gesù bambino./Mettiamo a disposizione vino bianco e rosso/per chi ora vuole in abbondanza berne/nel bicchiere o direttamente dall'orciolo./e poi facesse pure un metro di neve/ Ragazzi, prepariamoci al Natale/ pensiamo finalmente acose belle./portiamo al Bambinello una candela/ cantiamo già TU SCENDI DALLE STELLE.

Happy New Year



Auguri a tutti i blogger da Antonio e Roberto !

Regali Regali Regali


A CCBC é arrivato Babbo Natale!!!
(o la Befana?!?)
;-)

19 dicembre 2005

AUGUUUURIII



So' si non essere stata molto presente in questo periodo, comunque auguro a tutti i bloggers con tutto il cuore di trascorrere un magico Natale ed uno sfavillante 2006

Auguri da New York

And so this is Xmas
And what have we done

Another year over
A new one just begun
And so happy Xmas

We hope you have fun
The near and the dear one

The old and the young
A very Merry Xmas
And a happy New Year
Let's hope it's a good one
Without any fear

War is over, if you want it
War is over now

Happy Xmas

16 dicembre 2005

Quarantasei

Cosa sono gli anni, i mesi, i giorni, se non una mera convenzione degli esseri umani per misurare il tempo?
Sono 46 ma potrebbero essere 32 o 85, che importa!
Quello che conta é come ci si sente dentro e io...
AIUTOOOOO!!!
Ho già 46 anni!

Grazie di cuore a tutti voi.
MB

Si avvicina il 18.....

....ma intanto é arrivato il 16. E cos'é questo silenzio sul Blog??!
Nooo, non si può...Oggi bisogna festeggiare.
Happy Birthday MB :-)

Happy Birthday


Rose varieta' Manhattan per l'amministratore.
Remember: You're just a year younger!

15 dicembre 2005

Si avvicina il 18!



...e ne parla anche barilive.it

14 dicembre 2005

I dolci fatti in casa

"Erano quei giorni la gloria delle nonne, delle mamme, delle zie, delle sorelle grandi. Tutti in cucina a preparare uova, mandorle, farina, zucchero, limoni, vainiglia, la magica polverina che dava ai dolci il profumo dei fiori, cannella, vin cotto, ora spremuto dai fichi ora dalle uve. E si preparavano cartellate (il riccio di questo dolce vuol ricordare le lenzuola che Gesù non ebbe nella mangiatoia), calzengidde, ripieni di ricotta e di cotognata (hanno, quei dolci, forma di cuscinetti: i cuscini che al suo capo il Bambino Gesù non ebbe). E poi tutta la gamma delle leccornie casalinghe: torroni, paste reali, castagnedde, chiacune (fichi secchi che venivano fortificati con mandorle e cioccolato), ecchie de Sanda Lecì, pasticcini così minuscoli da sembrare i piccoli occhi che, nelle immagini, la Santa mostra in un piattino d’oro. Durava lunghi giorni la grande sagra dei dolci fatti in casa che erano poi conservati, non erano quelli tempi di frigoriferi, nei grandi tiretti degli armadi, liberati da tutta la biancheria che contenevano, quella intima compresa. Ben chiusi a chiave, si capisce: per evitare l'assalto dei figli sempre affamati. Queste familiari confezioni si facevano solo in casa, le pasticcerie e i bar non ne vendevano. Sarebbero passati molti anni perché queste tentazioni della gola apparissero nei pubblici locali e anche nei ristoranti. La gente, fuori casa, voleva trovare cose diverse. Una vecchia nonna, portata con grande gioia dei figli e dei nipoti, a gustare le buone cose di sapore antico in un ristorante che aveva inaugurato la cucina tipica locale, protestò solennemente: “Ma come, m’avete portata fin qui per mangiare le cose che si fanno in casa?”. Già, i menu dei grandi locali dovevano prescindere da quel che si faceva in casa.
(Vito Maurogiovanni)

Enjoy Xmas


E' arrivato il Xmas Game di CCBC!!!

Tornate sul nostro sito, potete giocare online o scaricare il gioco direttamente sul vostro computer...

Buon divertimento

13 dicembre 2005

la pena di morte: che pena

Come indicavo in un commento precedente, non tutto e' oro quel che luccica. E mentre ancora invito i "giovani" a fare esperienza di lavoro negli USA, oggi siamo ancora a rivivere le tragedie di questo grande, bellissimo Paese, lacerato da contraddizioni apparentemente inspiegabili.

Un'altra esecuzione, un altro delitto. Non sto qui a discernere se l'executed fosse colpevole o meno. Discuto la pena di morte come sistema. E' immorale, incivile, inaccettabile. Tra le altre cose, e' anche inefficace. E' il sistema giudiziario che va riformato (e non solo negli USA). Quanto a Schwarzenegger...Nemo dat quod non habet.

La Stagione delle Api

Il 23 Dicembre uscirà in tutti i cinema il fim "Parole d'Amore" tratto dal best seller di Myla Goldberg "Bee Season".
In America il successo di Myla Goldberg si é rafforzato e consolidato con il secondo libro "Wickett's Remedy" dopo che "Bee Season" ha scalato le classifiche e creato consensi unanimi nella critica.
Qui in Italia, in libreria é possibile trovare il primo libro "La Stagione delle Api" (o "Parole d'Amore" riprendendo il titolo del film in uscita).

Visita il sito ufficiale
Visita il sito italiano

Saper Guardare Oltre

Quante volte vi sarà capitato di "incantarvi" davanti alla bellezza di qualche modella?? Copertine di giornali, riviste, manifesti giganti che catturano inevitabilmente l'attenzione di tutti...
Attenzione però a SAPER GUARDARE OLTRE, oltre tutti i ritocchi tecnologici....


Per comunicare questo messaggio -soprattutto alle ragazze più giovani- il Ministero Svedese per la Salute e gli Affari Sociali ha avviato una campagna "Girlpower" in cui attraverso un'animazione interattiva si svelano i segreti del "before" and "after"...
Davvero efficace ;-)

Galleria Illy

300 tazzine sospese in una grande scultura: credo che solo per vedere questa "nuvola" varrebbe la pena di concedersi una pausa, gustando un caffé alla Galleria Illy.
C'é tempo ancora fino al 15 dicembre prima che l'esposizione si trasferisca... peccato che da qui sia un pò lontanuccio: 382 West Broadway di Soho, Manhattan.

Un ambiente raffinato che ospita eventi e offre aree di degustazione e relax, roba che qui a Bari ce la possiamo solo sognare.....

Allora PP ci fai un salto per noi?

I Love Cooking


Per gli amanti della Nutella e delle crepes ecco una idea regalo firmata Ballarini della linea "ILoveCooking".

Ah...in realtà anche solo la Nutella sarebbe una buona idea ;-)

12 dicembre 2005

Auguri Mamma

E' un pò che il Blog é "solo". Oggi finalmente ho ricominciato a scrivere
(questa sottospecie di "blocco dello scrittore" mi sta venedo un pò troppo spesso...)
e dopo un pò di news natalizie permettetemi di

rubare un piccolo spazio per me, anzi per una persona specialissima:
la mia meravigliosa mamma....

Buon Compleanno Adry :-)

Come nasce un sito web

Come nasce un sito web? Cosa succede se decidete - per esempio ;-) - di venire da noi per realizzarne uno nuovo?
Guardate questa short story e tutto sarà più chiaro... (il "Programmer" ha anche qualcosa che ricorda "Terminator"...a buon intenditor...)

18 dicembre


Ragazzi, domenica 18 dicembre suoniamo al NordWind
in uno dei concerti che si annuncia essere
il più devastante degli ultimi anni.
Suoneremo noi (il Sintomo) con i Vanamonde e gli ex "Barkers Shop"
Antonello Carrante e Gennaro Piepoli.
Si preannuncia una lunga notte di musica, forze dell'ordine e birra.

Ecco la formazione della serata:
chitarre: Mario Carrante, Claudio Massafra, Gennaro Piepoli, Gianvito Valentini
bassi elettrici: Mario Brambilla, Antonello Garribba
tastiere (e voce): Roberto Palumbo
batterie: Antonello Carrante, Giorgio Columbo, Eddy De Giglio
voce solista: Francesco De Vivo

Chi non viene é uno scorbutico!

Vade retro...


Riporto questa suggestiva "foto del giorno" (apparsa sul sito del corriere della sera), scattata durante una manifestazione dei cittadini della val di Susa contro la costruzione del tunnel per i treni ad alta velocita'.

The Red Cup

Tra le tante iniziative natalizie vi segnalo il nuovo minisito Starbucks: si chiama "The Red Cup" (ma non ha niente a che fare con la Red Cup Nescafé).


Ogni giorno il sito offre una piccola sorpresa natalizia: consigli, trucchi, ricette, e-card, idee... Oggi si può creare con facilità simpatiche card natalizie.

An Absolut Christmas

Molto carina la campagna online by Absolut.

Sul sito é possibile votare l'Ad preferita e mandare Christmas E- Card...
tutto questo dopo aver risposto ad una semplice domanda:


"Absolut Legal. Are you of legal drinking age?" ;-)

The Good Gift Seeker

Natale si avvicina, se siete alla ricerca di idee regalo é online il Good Gift Seeker, interessante advertainment by HBO Video. Basta inserire personalità e hobbies del destinatario ed il gioco é fatto.

09 dicembre 2005

4 hours later

WOW!


dieci minuti fa

07 dicembre 2005

Le pettole


Ecco un'altro piatto della tradizione per la Vigilia dell'Immacolata:

Ingredienti:1/2 kg. di farina
1 cubetto di lievito di birra
vincotto di fichi
olio extravergine di oliva
1 cucchiaino da caffè di sale fino
una patata lessa
Preparazione:
In una ciotola molto capiente versate la farina, la patata lessata e passata, un pizzico di sale e il lievito di birra che avrete già sciolto in un bicchiere di acqua tiepida. Con le mani impastate il tutto aggiungendo dell'acqua necessaria ad ottenere una pastella molto fluida. Dovrete letteralmente schiaffeggiarla a lungo. Lasciate lievitare per un paio di ore al caldo ( avvolgete la ciotola con una copertina di lana ). Dopodichè riscaldate per bene l'olio che vi servirà per friggere le pettole. Prendete delle cucchiaiate di composto e friggetele per bene. Per la verità il composto andrebbe preso con le mani. Prendete una manciata di composto, chiudetelo delicatamente nella mano disposta a pugno e tra pollice e indice uscirà una ciliegina di composto che prenderete con le dita inumidite della mano sinistra e che getterete nell'olio bollente. E' importante la temperatura dell'olio; le pettole infatti devono gonfiarsi immediatamente e friggere per pochi secondi giusto il tempo di dorarsi. Otterrete delle nuvolette fritte da mangiare bollenti e da condire in vario modo. I condimenti sono i più vari. Quello tradizionale è il vincotto di fichi ( fatelo bollire per qualche minuto allungato con un pò di acqua e immergetevi per un attimo le pettole che andranno mangiate molto calde ). In subordine è possibile, una volta fritte, cospargerle di zucchero o miele. Come variante potete aggiungere ( magari provate quando stà per teminare l'impasto ) dei filetti di acciuga sottolio. In ogni caso da servire sempre molto calde.

… poi arriva dicembre

"Poi arriva dicembre, pieno di feste, quasi tutte anticipazioni del prossimo Natale. Il proverbio antico recita: Ij so dicembre/ e porteche u chestipe,/ u jurne ca nascì Sanda Nicole,/ u vindicinghe ca nascì u Redendore/ e s’accide u puerche senz’avè delore.
La festività di San Nicola ha un feeling con quella natalizia e non è un caso poi che il nostro Patrono sia diventato, per gran parte di questo mondo, il Babbo Natale che
porta i regali ai bimbi buoni della terra, con una grande slitta tirata da renne e un
sacco immenso stracolmo di doni. Sono eventi sospesi tra cielo e terra e intanto ecco arrivare un’altra festa, tappa fondamentale nella preparazione dei riti casalinghi natalizi: è la vigilia dell’Immacolata. La Vergine che, nella notte del 24 partorirà il suo Santo Figlio, si celebra anche il 7 dicembre, con un digiuno che, almeno un tempo, era severissimo. “Non sia mai” toccare –durante il giorno- un po' di pane, bere un sorso d’acqua, assaggiare alcunché, ma, a sera, la grande abbuffata che non è lontana da quella della vigilia natalizia. Digiuno anche il 13 dicembre giorno dedicato a Santa Lucia".
(Vito Maurogiovanni)

C'mon

Blog anybody?

La Fanoje


A Capurso, in provincia di Bari, si organizza La "Fanoje" in concomitanza della vigilia della Festa dell'Immacolata ogni 7 dicembre. La "Fanoje" è forse la festa più antica del luogo; un tempo in ogni strada del paese s'accendevano falò - "Fanoje" - che venivano preparati con orgoglio dagli abitanti dei rioni con l'aiuto dei contadini, che portavano dalle campagne rami d'ulivo e tralci di vite. Anche i bambini collaboravano vivendo così momenti di grande allegria. Il fuoco stava a rappresentare la purificazione ed era di buon augurio per il nuovo anno di lavoro nei campi e nelle stalle. La sera si usava riunirsi intorno al fuoco per mangiare le fresedde - una specie di pane biscottato - i ceci fritti, il calzone di cipolla, il tutto annaffiato da un buon bicchiere di vino. La musica di un mandolino poi dava il via alle danze. Oggi la "Fanoje" è una sola e si accende nella piazza più vecchia del paese. Garantita la degustazione di piatti tradizionali con l'accompagnamento di brani di musica popolare. Stasera tutti a Capurso in Piazza Gramsci alle 19.

06 dicembre 2005

Ottavo martedì

Parliamo di soldi

"Ti ricordi che ti avevo detto di cercare una vita più ricca di significato? Lo annotai, ma ora posso recitartelo a memoria: 'Dedicati ad amare gli altri, dedicati alla comunità che ti circonda, e dedicati a creare qualcosa che ti offra uno scopo e un significato'".

"Se ci fai caso", ghignò, "non c'è nessun accenno ad una remunerazione."

Mitch Albom

05 dicembre 2005

Il Cardinale


nevica, e anche loro
hanno bisogno di mangiare
di piu'

02 dicembre 2005

WARNING per il post degli angeli

Vorrei solo avvisarvi che il sito nel quale si può identificare il proprio angelo contiene anche tutta una serie di procedure per la sua evocazione.
Queste "preghiere" in realtà sono evocazioni esoteriche appartenenti ad un libro di cabala. Gli "angeli" menzionati in realtà sono categorie e sottocategorie di spiriti appartenenti ad acqua, fuoco, terra e aria.
Sono io adesso a farvi una preghiera, non cimentatevi potrebbe essere estremamente pericoloso!

Palline colorate

Da giorni è in programmazione uno spot della SONY (scusate la pubblicità) ideato dall'agenzia londinese Fallon e diretto dal regista Nicolai Fuglsig in cui una cascata di palline colorate rimbalza nelle vie di San Francisco. Avevo immaginato che l'effetto fosse stato realizzato in computer grafica. Scopro invece con stupore e contentezza che realmente decine di migliaia di palline colorate impazzite sono state fatte rimbalzare per le strade, mentre 23 cameraman hanno avuto a disposizione solo una possibilità per filmarle tutte. L'uso delle palline, dei colori e della musica (Heartbeats eseguita da José Gonzàlez) hanno creato un'alchimia eccezionale come raramente accade in pubblicità.
E' raro che uno spot mi emozioni. Complimenti alla Fallon.

vedi la versione completa dello spot

Nanael


Sono nato il 16 dicembre e il mio Angelo Custode si chiama Nanael.
Lui è sempre con me, soprattutto la notte.
E sin da bambino penso a lui prima di addormentarmi.
Di Lui si dice:

"Quest'Angelo può farci possedere la Verità, può farci Vedere, Sentire, Percepire con i 5 sensi, ciò che è giusto e utile. Da Lui, si possono ottenere tutti i poteri per trasferire sulla Terra l'ordine e la perfezione celesti. Il Disegno Divino comporta il rispetto di alcune regole, di certi doveri, e l'energia dispensata da NANAEL intensifica l'amore per le suddette norme; il risultato di tale amore, logico e naturale, non potrà che risolversi in una condotta in armonia con le regole stesse. Ciò costituisce la base di un comportamento religioso - spirituale, e segna il fiorire di qualsivoglia persona animata da spirito religioso, nonché da sentimenti nobili ed elevati. La persona in questione avrà una spiccata inclinazione per l'ordine, l'ordine vero, quello che emana da regole eterne. In sostanza, chi è soggetto all'influsso di quest'Angelo sarà ligio ai principi di una morale di altissimo livello."
scheda completa di Nanael

Volete conoscere il nome e le caratteristiche del vostro Angelo Custode?

01 dicembre 2005

NOVEMBER?

(foto: cielo di Novembre sopra Long Island, NY)